La terza generazione

LA TERZA GENERAZIONE

Nato il 9 gennaio 1991 a Bologna, Ferruccio è il primogenito di Tonino Lamborghini. Insieme alle sue quattro sorelle, appartiene alla terza generazione della famiglia Lamborghini.
“L’azienda fondata da mio padre e inspirata ai valori della nostra famiglia rappresenta un simbolo di design italiano e innovazione dal 1981. Mio nonno e mio padre sono stati entrambi dei grandi innovatori nei loro rispettivi campi d’azione. Oggi, in qualità di rappresentante della terza generazione della famiglia Lamborghini, sono orgoglioso di dare all’azienda fondata da mio padre una forma nuova, diversa e più internazionale. Un passaggio che richiederà investimenti ben ragionati, un certo tempo, ma che porterà il brand a un livello ancora più innovativo, smart e internazionale.” – Ferruccio Lamborghini, VP e CEO.

Oggi Tonino Lamborghini è affiancato nella conduzione aziendale dal primogenito Ferruccio, stesso nome del nonno e attuale vice-presidente e CEO dell’azienda. Un futuro che non dimentica il passato, ma ne trae forza e ispirazione: il cerchio si chiude.
Tonino Lamborghini e Ferruccio Lamborghini incarnano il DNA della marca e sono portavoce degli obiettivi di marketing dell’azienda.

LA PASSIONE PER LA VELOCITÀ

Ferruccio non ha ereditato solo il nome dal celebre nonno, ma anche la passione per la velocità e le moto. Durante la sua giovinezza, è stato pilota di moto per dieci anni. Dopo tre anni di mini-bike chiude la stagione 2005 come vice-campione europeo e nel 2006 inizia con le motociclette unendosi al Trofeo Aprilia e piazzandosi al secondo posto.

Nel 2007, esordisce nel campionato italiano 125GP e partecipa a quattro Gran Premi in qualità di wildcard a bordo di una Aprilia. Nel 2008, arriva terzo al Campionato Italiano (CIV) e corre il Gran Premio casalingo in classe 125 con l'Aprilia RS 125 R del team Junior GP Racing Dream come wildcard. Nel 2009 è vice campione italiano nella categoria 600 Stock con una Yamaha YZF R6 del team Media Action by Pro Race e corre anche tre gare del Campionato Europeo Superstock 600 ottenendo sette punti, due pole position, un giro più veloce e si laurea vice-campione europeo under 21 nella categoria 600 Stock. Nel 2010, si piazza al terzo posto nel Campionato Italiano Sport 600 e partecipa a cinque gare nel Campionato del Mondo Moto 2. Nel 2011 è impegnato principalmente nel Campionato Italiano Velocità (C.I.V.), arrivando settimo nella categoria Moto 2 e partecipa anche a quattro gare della Superstock 1000 FIM Cup con una Honda CBR1000RRdel team Ten Kate Junior. Continua a correre nella Moto 2 del C.I.V. anche nel 2012, riuscendo a laurearsi campione italiano con una moto preparata dal team Ten Kate e portata in pista dal team Quarantaquattro Racing. Nel 2014 si piazza ottavo nel Campionato Italiano Stock 600 e decide infine di lasciare le corse fino alla stagione 2019 che vede il suo ritorno al C.I.V. nella classe Supersport 600 dopo quasi cinque anni di assenza grazie a un accordo col team Full Moto Squadra Corse, che gli affida una Yamaha R6.

«Che bello poterlo dire: torno a gareggiare! – ha dichiarato Ferruccio - Lo farò per divertimento e, naturalmente, per passione. Nessun volo pindarico, il mio mestiere è e sarà sempre un altro, ma dato che fare il pilota è il gioco più favoloso a cui abbia mai giocato, tornerò a farlo sulla mia giostra e nel mio luna park preferito. Non vedo l'ora!!! »

UN DESTINO TRACCIATO

Sin da quando Ferruccio era molto giovane, suo padre Tonino lo ha sempre coinvolto negli affari e nelle scelte più importanti dell'azienda di famiglia. Per Ferruccio, è sempre stato chiaro e logico che la Tonino Lamborghini sarebbe stata la sua futura strada e il suo destino.
Nel 2015, Ferruccio entra a far parte dell'azienda iniziando a collaborare nel reparto Marketing e partecipando a tutti gli incontri esecutivi con obiettivi specifici: apprendere il più possibile da tutto lo staff, migliorare le sue competenze in ogni ambito aziendale e aiutare il padre in tutte le attività strategiche e di pubbliche relazioni.

Nell'aprile 2016, seguendo la naturale progressione generazionale dell'azienda di famiglia e grazie ai suoi notevoli risultati, Ferruccio è nominato vice-presidente della Tonino Lamborghini SpA.
Nel mese di febbraio 2017, Ferruccio avvia personalmente un nuovo entusiasmante progetto per la rinascita di Townlife e Iso, due marchi automobilistici italiani, lanciando il suo primo scooter elettrico a settembre 2017.
Nel 2018, dopo essere stato direttamente coinvolto in tutte le operazioni operative e strategiche dell'azienda, grazie allo spirito imprenditoriale e all’intraprendenza che lo contraddistinguono, viene nominato C.E.O dell’azienda.

Per Ferruccio è solo l’inizio, infatti poco dopo entra a far parte del consiglio di amministrazione di TL International Inc., la joint venture di Tonino Lamborghini SPA e Dasan Network (leader mondiale nella tecnologia coreana), con l'obiettivo di creare dispositivi premium a marchio Tonino Lamborghini. A dicembre dello stesso anno, firma una joint venture per la progettazione e la produzione di golf cart e veicoli elettrici Tonino Lamborghini con la Kinetic Green Energy & Power Solutions Ltd, società indiana appartenente a uno dei più importanti gruppi automobilistici indiani della famiglia Firodia.

Nelle nuove vesti di C.E.O e Vicepresidente dell’azienda, Ferruccio continua a sfornare progetti e collaborazioni di spessore. Nel 2019 nasce la capsule Art Glass in co-branding con la storica azienda italiana Venini. Vasi, lampade e scenografici chandelier reinterpretano l’heritage meccanico del marchio Tonino Lamborghini attraverso le antiche tecniche di lavorazione del vetro di Murano.

Tra gli ultimi progetti aziendali seguiti interamente da Ferruccio, la collezione Tonino Lamborghini Swiss Watches. Insieme al designer italiano Fulvio Locci e a uno storico produttore svizzero di alta orologeria, Ferruccio Lamborghini ha creato nuovi modelli automatici di fascia medio-alta che si affiancano ai crono al quarzo best-seller dal posizionamento più accessibile. Rigorosamente Swiss made e dal design audace, i nuovi orologi sono caratterizzati da ricerca manifatturiera, ergonomia e performance grazie a componenti in titanio, vetro zaffiro con doppio trattamento anti-riflesso, viti Torx® ed elementi racing.

Nel 2019, Ferruccio Lamborghini ha inoltre fondato la Lamborghini Sangue di Miura in joint venture con l’azienda vitivinicola umbra Tenuta Lamborghini, che si avvale della consulenza di uno dei più celebri enologhi italiani, Riccardo Cottarella. Questa iniziativa sancisce un coinvolgimento più attivo della famiglia nel business dei vini prodotti dalla Tenuta, fondata nel 1968 dal papà di Tonino.

Nel 2021, a quattro decenni dalla fondazione, la storia della Tonino Lamborghini S.p.A. si riversa nelle pagine del libro “Tonino Lamborghini Over the Years.
1981-2021”, un progetto ideato e personalmente seguito da Ferruccio Lamborghini, che dedica il volume al padre. Un libro stampato in edizione limitata di 500 copie, nato letteralmente “sotto il segno del Toro”, in cui le collezioni storiche sono immortalate come opera d’arte da celebrare e viene celebrata l’inesauribile curiosità e l’eclettismo del fondatore che ha permesso al marchio di spaziare in diversi settori merceologici.
Sulle tracce del padre (e del nonno prima di lui), Ferruccio Lamborghini oggi porta avanti a testa alta la visione di un futuro fortemente ancorato all’Heritage familiare, unendo agli insegnamenti paterni e alla tradizione di famiglia il personale istinto da pilota e la cura per ogni singolo dettaglio.